Congo RD

Per l'oro e per la fame

19 07 2004 - 13:43 · Federico Vigorita

BUNIA, 10 luglio. Nel nord le milizie delle fazioni rivali hanno ricominciato ad ammazzarsi all’ingrosso. Negli ultimi giorni ci sono stati decine di morti, forse 50 solo fra i miliziani, e la popolazione è ai limiti della sopravvivenza. Si lotta per il controllo di una miniera d’oro abbandonata che una delle fazioni, appoggiata dal vicino Uganda che da sempre fomenta l’instabilità in questa regione, sta cercando di riattivare.

Qui in città la situazione per ora è tranquilla, almeno in apparenza. Colleghi di Coopi ben informati perché partecipano alle riunioni dei comitati di sicurezza mi hanno detto che sono ripresi gli arruolamenti nelle varie milizie. Pare addirittura che un warlord della zona si sia trasferito in città per organizzare meglio l’operazione e supervisionare l’attività degli “sportelli” di arruolamento.

Poi ci sono gli arruolamenti forzati, tanto amati da queste parti, di cui sono vittime soprattutto i bambini, che sono fra l’altro la fetta più ampia della popolazione. A decine spariscono da un giorno all’altro per tornare dopo qualche tempo con un bel lavaggio del cervello alle spalle. È un gioco cinico e facile trasformare questi ragazzi in macchine di morte. Non solo per la loro età giovane o giovanissima con una coscienza morale ancora tutta da formare, ma anche perché, con la pancia che ti fa male per la fame, bene e male, giusto e sbagliato sono concetti abbastanza vaghi per chiunque.

Passaparola |   

Commenti

  1. Noto con rammarico che non ci sono commenti a questi interessantissimi reportage dall’Africa. E’ proprio vero che – tristemente – è un argomento che non interessa gran che… :-(
    Marco Rognoni    20 07 2004 - 08:55    #

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search