Nepal

Abisso himalaiano

26 01 2005 - 05:11 · Flavio Grassi

È da un po’ che non mi occupo del Nepal. È che non succede niente. Niente di nuovo, intendo: re Gyanendra scrive le sue poesie e cura le sue piante; i partiti politici litigano l’un l’altro e al loro interno; intanto la guerra civile continua, i ribelli maoisti ormai controllano due terzi del paese e hanno organizzato un governo parallelo, con tasse polizia e tutto il resto.

Insomma, come la scrittrice nepalese Manjushree Thapa dice nel suo ultimo libro «Dimenticare Kathmandu, lamento per la democrazia»: il paese delle montagne più alte del mondo sta confusamente scivolando nell’abisso.

Ians

Passaparola |   

Commenti

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search