America Latina

I presidenti latinoamericani discutono di debito, Haiti e Falklands

5 11 2004 - 03:14 · Flavio Grassi

Oggi e domani a Rio de Janeiro si riuniscono i presidenti dei paesi che partecipano al «Gruppo di Rio». Partito una ventina d’anni fa come forum informale, il Gruppo comprende 19 paesi dell’America Latina (Argentina, Brasile, Colombia, Messico, Panama, Perù, Uruguay, Venezuela, Cile, Ecuador, Bolivia, Paraguay, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Repubblica Dominicana e Guyana) e ora sta lavorando per darsi una forma più ufficiale: fra i documenti messi a punto nei giorni scorsi dai ministri degli esteri e che i presidenti firmeranno al termine del vertice, c’è la definizione del gruppo come «organizzazione regionale di dialogo e intesa politica».

I punti principali sull’agenda riguardano il debito estero e Haiti. A proposito del debito il gruppo sta elaborando proposte per prendere l’iniziativa invece di subire passivamente—o al massimo respingere—le condizioni finora poste dai paesi creditori e dalle istituzioni finanziarie internazionali. Haiti è una questione che importa molto al Brasile, che guida la forza Onu che sta cercando di mettere un po’ d’ordine nel caos del paese più disastrato della regione.

Dalla riunione uscirà anche una nuova punzecchiatura per Blair: l’Argentina ha chiesto, e otterrà, l’appoggio del gruppo per la sua richiesta di avviare una trattativa sulla sovranità delle Falklands-Malvinas, trattativa della quale la Gran Bretagna non vuole sentir parlare.

MercoPress

Passaparola |   

Commenti

  1. Grande assente, Cuba, tanto per cambiare. Il Breasile e Venezuela vorrebbero entrasse a far parte di questo gruppo, altri si oppongono …
    Cubanite    10 11 2004 - 04:15    #

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search