Politica

La cattiveria degli stupidi

2 06 2004 - 06:49 · Flavio Grassi

Pensavo di scriverne, ma ci ha già pensato Francesco Merlo:

Mai avremmo pensato di poter volere bene a Umberto Bossi, che per noi è sempre stato la sentina di tutti i pregiudizi infamanti e razzisti contro il Meridione del mondo. E invece ieri pomeriggio il suo soffio di voce straziato e straziante, registrato e trasmesso da “Radio Padania”, ci ha commosso perché è la prova che stanno maltrattando un ammalato per ragioni elettoralistiche, che c’è un accanimento politico, ben più insensato di quello terapeutico.
...
Si lanciano su quel malato e lo usano come piedistallo calcandovi sopra con il proprio peso e dunque annichilendolo. Per sembrare più alti appoggiano i piedi su un corpo che soffre. Sono loro e non Bossi i veri malati inguaribili. La loro ingenuità feroce è la rinuncia definitiva alla politica. Con l’abuso di quella voce, la Lega si consegna infatti a reperto museale etno-antropologico.

la Repubblica

Passaparola |   

Commenti

  1. Che Merlo fosse stupido si arguiva già ai tempi del Corriere, ma dire che è cattivo mi sembra esagerato.

    O forse ho equivocato il titolo del post?

    Francesco
    Francesco    8 06 2004 - 04:41    #

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search