Pakistan

Nella polveriera fa caldo

1 06 2004 - 02:36 · Flavio Grassi

Era stato fin troppo facile ieri prevedere che l’uccisione del muftì sunnita Nizamuddin Shamzai, avrebbe scatenato nuovi attentati nella guerra civile strisciante di Karachi. Quello che impressiona è la velocità di reazione: domenica mattina l’assassinio, lunedì sera un’altra bomba in una moschea sciita, nonostante lo schieramento di almeno 15.000 agenti. Altri 19 morti o forse più. E oggi ci saranno i funerali.

Gli abitanti del Pakistan sono più di 150 milioni, 77% sunniti e 20% sciiti. Se la situazione sfugge di mano a Musharraf è un casino grosso, per dirla in termini aulici.

Reuters

Passaparola |   

Commenti

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search