Cooperazione Sud-Sud

Lula in Cina

31 05 2004 - 11:39 · Flavio Grassi

Il presidente brasiliano prosegue il lavoro di creazione di un network di cooperazione economica e strategica che scavalchi i paesi più ricchi. Invitato in Cina, ha accettato con entusiasmo e mentre era lì, a parte fare ottimi affari, ha ribadito che gli piacerebbe vedere la Cina e la Russia unirsi al “G3” costituito l’anno scorso con India e Sud Africa (il gruppo Ibsa, di cui mi sono già occupato).

Alcuni economisti sono scettici sulla possibilità che le alleanze fra medie potenze del sud del mondo possano davvero fare una differenza e citano la posizione di dominio delle nazioni ricche nell’interscambio con questi paesi. Non capiscono la differenza fra amministrazione e visione, come quelli che profetizzavano un catastrofico fallimento per l’euro. L’euro c’è e resterà. E in tre anni il valore degli scambi fra Cina e Brasile è già quintuplicato.

BBC News

Passaparola |   

Commenti

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search