Economia

La nave va. Per ora

31 10 2003 - 10:15 · Flavio Grassi

Oggi è tutto un parlare del balzo del Pil americano. Bene: da queste parti non c’è mai stata molta simpatia per le visioni del mondo tantopeggiotantomeglio, le buone notizie sono buone indipendentemente da chi ne sia avvantaggiato politicamente. L’augurio è che la crescita regga e produca occupazione.

Ma un trimestre è un po’ poco per dichiarare che l’economia è guarita. Negli ultimi due anni ci sono già stati altri salti che poi si sono rivelati fiammate momentanee senza seguito. E resta il dato più preoccupante di tutti: la crescita è drogata dal più alto deficit di bilancio nella storia del pianeta.

Nel nostro piccolo, qui l’abbiamo già vista una nave che galleggiava su un mare di debiti, e vent’anni dopo stiamo ancora pagando.

New York Times>

Passaparola |   

Commenti

  1. Adesso mi aspetto il nostro Fazio (non Fabio, purtroppo...) dire: "l'avevo detto che ..." oppure i vati dell'economia liberale che hanno tutto puntato sulla riduzione delle tasse (ai piu' fortunati) dire: "la nostra politica inizia a dare is uoi frutti..." e via dicendo.

    Tuttavia sarebbe interessante capire come evitare in un futuro di rientrare in una crisi economica come quella che speriamo sia alle nostre spalle. Non mi sembra che si sia capito cosa ha causato la crisi ancora e, pertanto, non mi sembra si possa stare tranquilli che si sia trovato un vaccino o, per lo meno, che si siano trovate le medicine per scongiurare un nuovo diffondersi della malattia.


    stefano    31 10 2003 - 11:12    #

non è più possible commentare questo articolo

Cerca nel sito

Search