Asia

Diplomazia chirurgica

29 09 2004 - 02:54 · Flavio Grassi

Un gruppo ospedaliero privato di New Dehli ha attivato un collegamento di telemedicina ad alta tecnologia verso la sua filiale di Lahore, in Pakistan. La telemedicina è una grande opportunità per portare assistenza medica allo stato dell’arte nelle regioni rurali dell’Asia. Ma soprattutto: questo collegamento India-Pakistan mostra il miglioramento delle relazioni fra due paesi che, dalla divisione dell’India britannica nel 1947 in avanti, completamente in pace non sono stati mai.

The Hindu

Passaparola |  Commenti  

Nepal

I ribelli maoisti sempre più forti

28 09 2004 - 04:15 · Flavio Grassi

La vita pubblica in Nepal è di nuovo in stato comatoso per lo sciopero generale di due giorni proclamato dai guerriglieri maoisti. Fino a qualche mese fa la loro presenza si sentiva nelle regioni rurali ma poco nella capitale. Ora è la seconda volta nel giro di un mese che riescono a paralizzare completamente Kathmandu insieme al resto del paese. Il governo non sa che fare, la gente ha paura e segue le loro indicazioni. Stanno vincendo.

Bbc News

Passaparola |  Commenti  

Nepal

L'assedio di Kathmandu è finito, per ora

26 08 2004 - 04:26 · Flavio Grassi

Ieri i ribelli maoisti hanno tolto (ma forse sarebbe meglio dire sospeso) l’assedio a Kathmandu dopo essere riusciti a mostrare la loro forza bloccando completamente la capitale nepalese per una settimana.

Ormai i guerriglieri controllano i due terzi del paese e con l’iniziativa senza precedenti dell’assedio hanno dimostrato di essere in grado se non di conquistare, almeno di mettere in ginocchio anche la capitale. Ora hanno dichiarato una tregua. Esigono che il governo li riconosca come forza politica, togliendo loro l’etichetta di terroristi e cancellando i mandati di cattura. Ma, nonostante l’intervento di intellettuali autorevoli come Padma Ratna Tuladhar, che già in passato è riuscito per due volte a far partire negoziati poi falliti per l’irrigidimento delle parti, sembra che il fragile governo di coalizione non abbia intenzione di negoziare seriamente.

A partire dal re, la cui caduta è il principale obiettivo dei maoisti, la classe dirigente nepalese sembra imprigionata in una sorta di impossibilità cognitiva di vedere la situazione reale che dovrebbe provare a gestire. Il governo non vuole nemmeno sentir parlare di mediazioni internazionali, continua a comportarsi come se si trattasse di catturare una banda di malviventi e non di cercare di mettere fine a una guerra civile. Una guerra che sta perdendo.

Reuters

Passaparola |  Commenti  

Nepal

Ora è il turno della pioggia

24 07 2004 - 03:11 · Flavio Grassi

Da quando è cominciato il monsone in Nepal si parla poco di guerriglia: l’emergenza ora sono le inondazioni, le frane e le infezioni intestinali. Ormai sono più di 200 i morti dovuti alle piogge, metà travolti dalle inondazioni e gli altri per l’epidemia di gastroenterite che si è diffusa nelle regioni periferiche.

Depika Global

Passaparola |  Commenti  

Nepal

I contadini invocano Indra, il governo ci prova con Budda

19 07 2004 - 05:53 · Flavio Grassi

Il peggior monsone degli ultimi 15 anni ha ucciso decine di persone, distrutto case e coltovazioni, spinto i contadini disperati a provarci con gli dei, recuperando una tradizione antica e ormai abbandonata come il sacrificio di capre per placare Indra. Ma non ferma la guerriglia maoista le cui operazioni si spostano sempre più dalla periferia rurale del paese alle regioni centrali e alla stessa capitale. Ieri una bomba nel centro di Kathmandu ha ferito quattro persone. Questa mattina da una scuola alla periferia della città sono stati rapiti una almeno cinquanta studenti, fra cui molte ragazze, e una dozzina di insegnanti. Sembra essere la risposta dei ribelli alle proposte del governo che sabato aveva ribadito l’intenzione di arrivare a una soluzione negoziale del conflitto e ieri ha proposto di tenere una conferenza di pace a Lumbini, la città dove secondo la tradizione sarebbe nato il Budda. Nel frattempo, anche per cercare di ridare fiato al turismo, che rimane la principale fonte di valuta del paese, il governo candida la stessa Lumbini come sede della prossima conferenza buddista mondiale, dopo quella che si terrà nel Myanmar (ex Birmania) in autunno.

Reuters, VOA News, AlertNet, Depika Global, New Kerala

Passaparola |  Commenti  

India

La Storia torna nei libri di testo indiani

27 06 2004 - 04:00 · Flavio Grassi

Una commissione di storici incaricata dal nuovo governo di esaminare i libri di testo introdotti dal passato governo nazionalista indù ha raccomandato di eliminarli dai programmi scolastici per tornare a libri meno ideologizzati e più rispettosi della realtà storica.

La storia dell’India nasce dall’intreccio secolare fra induismo, islam e tutte le religioni numericamente minoritarie ma culturalmente significative che vi convivono. Il governo della destra induista BJP cercava invece di inventare per l’India un’identità ariana “depurata” dalle influenze mediorientali.

Nello sforzo di “correggere gli errori della Storia” (espressione usata dall’ex primo ministro Vajpayee) alcuni dei libri di testo imposti negli ultimi anni contengono bufale tristemente comiche. Per dire: monumenti-simbolo dell’India musulmana come il Taj Mahal, il Forte Rosso e il Minareto di Qtub vengono bellamente attribuiti a committenti e architetti indù.

La storia è sempre un intreccio di popoli e civiltà diverse e chi cerca radici etnico-religiose pure finisce sempre per tentare di sostituire i fatti con l’ideologia.

The Guardian

Passaparola |  Commenti  

Nepal

Sempre più morti

15 06 2004 - 08:30 · Flavio Grassi

La guerriglia nepalese continua ad alzare il livello dello scontro: ieri hanno ucciso 21 poliziotti in un’imboscata a Khairikhola, 450 km a ovest di Kathmandu.

Reuters

Passaparola |  Commenti  

Nepal

Deuba fa da sé e resta in tre

10 06 2004 - 11:36 · Flavio Grassi

Sher Bahadur Deuba, il Primo ministro licenziato due anni fa da re Gyanendra e rimesso la settimana scorsa al suo posto ha formato un mini-governo con tre soli ministri, tutti del suo partito nato dalla scissione del Nepali Congress. I cinque partiti della “Coalizione anti-regressista” sono rimasti fuori: perfettamente d’accordo quando si trattava di dimostare contro il re, ora procedono in ordine sparso. Il Partito Comunista è possibilista e per ora garantisce l’appoggio esterno, gli altri quattro continuano le manifestazioni nel caos generale.

New Kerala

Passaparola |  Commenti  

Pakistan

Crisi di governo a Karachi

8 06 2004 - 08:41 · Flavio Grassi

Il governatore del Sindh, la provincia del Pakistan meridionale che fa capo a Karachi, ha annunciato le dimissioni del chief minister, il presidente del consiglio provinciale, lo scioglimento del governo e la convocazione del parlamento in sessione d’emergenza.

Si alza così il livello della resa dei conti politica dopo il “maggio di sangue” di Karachi (a cui i media italiani hanno riservato un trattamento che volendo essere molto benevoli si potrebbe definire distratto) che ha causato oltre 50 morti. Due giorni fa era già stato dimissionato il capo della polizia di Karachi.

Non finisce qui, anche perché, al di fuori dei palazzi, la guerra civile strisciante prosegue. Questa città di 14 milioni di abitanti non è solo la capitale economica del Pakistan, è anche la città con la massima presenza di sciiti. E soprattutto, è capitale organizzativa mondiale di al Qaeda.

AFP

Passaparola |  Commenti  

Asia

Come i ghiacciai

14 05 2004 - 16:01 · Flavio Grassi

La struttura statale del Nepal si sta sciogliendo nel caos. Da mesi, spaventati dalle intimitazioni dei guerriglieri maoisti, molti amministratori locali stanno abbandonando il loro posto senza preoccuparsi di chi li sostituirà. Negli ultimi giorni, dopo l’abbandono del Primo ministro, le dimissioni stanno diventando una fuga in massa. I partiti di opposizione chiedono elezioni ma nessuno li ascolta. Certo non l’imperscrutabile re Gyanendra. Mentre il suo paese si disintegra, il “Nerone himalaiano” compone poesie d’amore, cura le sue piante, naviga in Internet.

OneWorld

Passaparola |   

Asia

Il morso dell’urna

13 05 2004 - 15:21 · Flavio Grassi

Era sicuro di vincere alla grande: l’opposizione puntava su Sonia Gandhi e Atal Behari Vajpayee, Primo ministro uscente e leader del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party, credeva di avere gioco facile nel presentare il voto come una scelta fra un indiano e un’italiana. Così ha indetto elezioni anticipate.

Ma qualche volta la gente riserva brutte sorprese a chi si illude di poterla manipolare come crede. A conteggi ancora in corso, ormai è certo che Vajpayee ha perso la scommessa. Si dimetterà, e la sua carriera politica è finita. Poi l’incognita di un parlamento con una maggioranza raggiungibile solo attraverso una coalizione. Si vedrà. Per ora in India sono tutti sbalorditi.

India Infoline

Passaparola |  Commenti [1] 

Asia

Il tempo fermato

12 05 2004 - 10:05 · Flavio Grassi

“Il tempo sembra essersi fermato” è uno dei più triti luoghi comuni da catalogo turistico. Qualche volta però è vero, almeno per un po’. Oggi per il secondo giorno il Nepal è immerso in un’atmosfera di vita sospesa in seguito alla pressoché totale adesione allo sciopero generale dichiarato da tutte le formazioni politiche contro la prospettiva di un nuovo governo illegittimo come quello insediato due anni fa d’imperio da re Gyanendra.

Reuters

Passaparola |   

Asia

Camicie verdi

7 05 2004 - 12:35 · Flavio Grassi

Nella regione del Rajshahi, nel nord del Bangladesh è comparso un nuovo gruppo islamico armato che ha diffuso il panico nella popolazione. I vigilantes islamici assaltano i villaggi per “ripulirli dai fuorilegge di sinistra”. E già che ci sono costringono le donne a mettersi il burqa e gli uomini a farsi crescere la barba. Le ragazze sorprese per strada con l’ombelico scoperto vengono cosparse di vernice nera. Siccome anche i missionari devono campare, si fanno pagare dai contadini per il loro lavoro di protezione. Pare che abbiano già ucciso diverse persone che tentavano di opporsi.

Temo che ne vedremo sempre di più.

Times of India

Passaparola |  Commenti [3] 

Asia

Elezioni armate

7 05 2004 - 12:06 · Flavio Grassi

In settembre l’Afghanistan dovrebbe votare. Ma il programma di disarmo delle milizie private non è ancora nemmeno partito. E i signori della guerra locali non sembrano avere nessuna intenzione di cedere il loro potere feudale.

CBC News

Passaparola |   

Asia

I ribelli nepalesi cercano alleanze moderate

22 04 2004 - 10:07 · Flavio Grassi

I ribelli maoisti, che ormai controllano una buona parte del Nepal rurale, stanno cercando il dialogo con i partiti politici che hanno portato in piazza la popolazione a Kathmandu e in altre città per protestare contro il re assolutista Gyanendra e il suo governo non eletto.

Non sarà facile, anche perché le forze politiche democratiche hanno ribadito più volte che nessuna alleanza repubblicana è possibile se i maoisti non rinunciano alla lotta armata. Ma il comunicato dei ribelli vuol dire che forse qualcosa si muove.

Reuters

Passaparola |  Commenti [2] 

Asia

Vorrebbero solo vivere

15 04 2004 - 18:28 · Flavio Grassi

Pare che l’India stia lavorando silenziosamente per convincere il re del Nepal a licenziare il primo ministro e nominare un governo di transizione che dia un minimo di garanzia di indire elezioni in un clima politico accettabile. Sarebbe davvero ora che succedesse qualcosa perché il paese himalaiano sta correndo verso il caos generale.

C’è un re dalle facoltà mentali assai dubbie che ha preso il trono dopo lo sterminio misterioso (si fa per dire) di tutta la sua famiglia e come prima cosa ha liquidato il parlamento e il governo eletto. La popolazione non ne può più, da settimane il paese è in agitazione permanente e il governo non sa far altro che arrestare i manifestanti all’ingrosso. L’ultimo carico, ieri, è stato di mille arresti in una volta sola, compreso un ex primo ministro.

C’è una guerriglia maoista che tormenta le aree periferiche da anni e ultimamente si fa sempre più baldanzosa. Adesso rapiscono gli uomini dei villaggi per indottrinarli e costringerli a combattere con loro. Anche i guerriglieri puntano ai grandi numeri: qualche settimana fa hanno razziato 1500 uomini in un solo villaggio.

E in mezzo c’è una popolazione che vorrebbe solo vivere con un governo non troppo indecente. Speriamo nell’India.

New Kerala, Associated Press, OneWorld

Passaparola |  Commenti [1] 

Asia

Peccati d’Oriente

3 12 2003 - 10:32 · Flavio Grassi

Bollywood, la fiorente industria indiana del cinema popolare, sta scoprendo il fascino dell’adulterio. L’infedeltà coniugale è stata spesso presente nel cinema indiano, ma quasi mai ha riguardato la coppia protagonista. Ora invece sta emergendo un filone cinematografico che sul tradimento costruisce lo snodo centrale della storia. E i produttori sperano che il frutto del peccato gonfi le loro tasche.

The Times of India>

Passaparola |   

Asia

Un mondo murato

30 07 2003 - 09:29 · Flavio Grassi

Anche l’India sta costruendo il suo muro per sigillare la frontiera con il Pakistan.

Il sindaco Albertini ha fatto scuola.
Nota per i non milanesi: due o tre anni fa pareva che tutti i problemi di Milano si potessero risolvere recintando piazza Vetra, uno dei pochi francobolli di verde nel centro della città. La recinzione è stata costruita.

Washington Post>

Passaparola |  Commenti [1] 

<<<<      

Cerca nel sito

Search